Ragonesi-esterno-2

Il Liceo scientifico Cardinal Ragonesi sorge a Viterbo, fuori le mura, nel quartiere Cappuccini, ai piedi della Palanzana. Si chiamava una volta “Collegio Vescovile”, perchè vi soggiornavano giovani della provincia di Viterbo e della bassa Toscana, per poter frequentare le scuole della città.

I Fratelli Maristi vi operano dal 1913, impegnandosi nell’educazione cristiana della gioventù, attraverso la scuola e la catechesi, armonizzando fede e cultura, secondo la spiritualità di San Marcellino Champagnat, loro Fondatore.
Il Liceo scientifico Cardinal Ragonesi è un liceo legalmente riconosciuto dal 1955. Ha ottenuto la parità con il decreto 28 febbraio 2001.

Opera in un contesto socio – culturale medio ed è formato da una sola sezione di Liceo Scientifico. Fino al 2014 è stato gestito dai Fratelli Maristi, attualmente dall’Associazione Pedagogia Moderna (APeM).

Ora è sede di un corso di liceo scientifico ad indirizzo internazionale, ad impronta prevalentemente laica, con una popolazione scolastica di circa 85 alunni di ambo i sessi, di una scuola dell’Infanzia bilingue ad indirizzo Montessoriano, di una Scuola Primaria e Secondaria di primo grado. I corsi di lingua inglese tenuti da docenti madrelingua della British School, di spagnolo e di informatica per il conseguimento della patente del computer ECDL completano l’offerta formativa del “nuovo” Complesso scolastico Cardinal Ragonesi.

Alle spalle oltre ottanta anni di attività scolastica, di promozione educativa e culturale. Figure indimenticabili di Fratelli Maristi che, affiancati da collaboratori laici di grande spessore umano e culturale, hanno impegnato gli anni più produttivi della loro vita a servizio dei ragazzi.

Generazioni di giovani passati nelle aule di questo istituto, come alunni, o come convittori provenienti dalle varie parti d’Italia, durante i lunghi anni di funzionamento del collegio. Ex-alunni che hanno fatto strada nel campo dell’amministrazione pubblica, dell’iniziativa privata, dell’inserimento nel sociale.

Nell’ottica dell’autonomia scolastica, il “Ragonesi” vuole essere piuttosto un compagno di viaggio stimolante nel servizio educativo dovuto ai giovani. Presenta con chiarezza il suo progetto educativo, chiama a raccolta le forze di tutta la comunità educante per attuarlo con serietà, impegno, continuità didattica. Sono cambiati i tempi, le urgenze educative diventano sempre più pressanti.

Forte della sua tradizione, il “Ragonesi” intende rispondere con efficacia alla domanda educativa e culturale dei giovani d’oggi; con lo stesso impegno, la stessa serietà e rigorosità nella scuola, la stessa passione per gli alunni, lo stesso spirito di famiglia.